Nessuno sa esattamente come o quando nasce il caffè, anche se ci sono molte leggende sulla sua origine.

Il caffè coltivato in tutto il mondo può far risalire la sua eredità indietro di secoli alle antiche foreste di caffè sull’altopiano etiope. Lì, la leggenda dice che il pastore di capre Kaldi scoprì per primo il potenziale di questi amati fagioli.

La storia racconta che Kaldi scoprì il caffè dopo aver notato che dopo aver mangiato le bacche di un certo albero, le sue capre erano diventate così energiche che non volevano dormire la notte .

Kaldi riferì le sue scoperte all’abate del monastero locale, che fece da bere con le bacche e scoprì che lo teneva vigile durante le lunghe ore di preghiera serale. L’abate condivise la sua scoperta con gli altri monaci del monastero e la conoscenza delle bacche energizzanti iniziò a diffondersi.

Quando la voce si spostò verso est e il caffè raggiunse la penisola arabica, iniziò un viaggio che avrebbe portato questi chicchi in tutto il mondo.

La penisola Arabica

La coltivazione e il commercio del caffè iniziarono nella penisola arabica. Nel XV secolo il caffè veniva coltivato nel distretto yemenita dell’Arabia e nel XVI secolo era conosciuto in Persia, Egitto, Siria e Turchia.

Il caffè non veniva consumato solo nelle case, ma anche nei tanti caffè pubblici – chiamati qahveh khaneh – che iniziarono ad apparire nelle città del Vicino Oriente. La popolarità dei caffè non aveva eguali e la gente li frequentava per ogni tipo di attività sociale.

Gli avventori non solo bevevano caffè e conversavano, ma ascoltavano anche musica, guardavano artisti, giocavano a scacchi e si tenevano aggiornati sulle notizie. Le caffetterie divennero rapidamente un centro così importante per lo scambio di informazioni che venivano spesso chiamate “Scuole dei saggi”.

Con migliaia di pellegrini che visitano ogni anno la città santa della Mecca da tutto il mondo, la conoscenza di questo “vino dell’Arabia” ha cominciato a diffondersi.

Il caffè arriva in Europa

I viaggiatori europei del Vicino Oriente hanno riportato storie di un’insolita bevanda nera scura. Nel XVII secolo, il caffè era arrivato in Europa e stava diventando popolare in tutto il continente.

Alcune persone hanno reagito a questa nuova bevanda con sospetto o paura, definendola “l’amara invenzione di Satana“. Il clero locale condannò il caffè quando arrivò a Venezia nel 1615. La controversia fu così grande che fu chiesto a papa Clemente VIII di intervenire. Decise di assaggiare la bevanda per se stesso prima di prendere una decisione e trovò la bevanda così soddisfacente che le diede l’approvazione papale.

Nonostante tali controversie, i caffè stavano rapidamente diventando centri di attività sociale e comunicazione nelle principali città di Inghilterra, Austria, Francia, Germania e Olanda. In Inghilterra nacquero le “penny university”, così chiamate perché al prezzo di un penny si poteva acquistare una tazza di caffè e impegnarsi in stimolanti conversazioni.

Il caffè iniziò a sostituire le comuni bevande a colazione dell’epoca: birra e vino. Coloro che bevevano caffè invece di alcol iniziavano la giornata vigili e pieni di energia e, non a caso, la qualità del loro lavoro era notevolmente migliorata. (Ci piace pensare che questo sia un precursore del moderno servizio da caffè per ufficio.)

Verso la metà del XVII secolo a Londra c’erano oltre 300 caffè, molti dei quali attiravano mecenati che la pensavano allo stesso modo, inclusi commercianti, spedizionieri, broker e artisti.

Molte aziende sono nate da queste caffetterie specializzate. I Lloyd’s di Londra, ad esempio, sono nati all’Edward Lloyd’s Coffee House.

Il caffè nel 1773

A metà del 1600, il caffè fu portato a New Amsterdam, in seguito chiamata New York dagli inglesi.

Sebbene le caffetterie iniziassero rapidamente ad apparire, il tè continuò ad essere la bevanda preferita nel Nuovo Mondo fino al 1773, quando i coloni si ribellarono contro una pesante tassa sul tè imposta dal re Giorgio III. La rivolta, nota come Boston Tea Party, cambierà per sempre la preferenza del bere americano al caffè.

Piantagioni in tutto il mondo

Poiché la domanda per la bevanda continuava a diffondersi, c’era una forte concorrenza per coltivare il caffè al di fuori dell’Arabia.

Gli olandesi hanno finalmente ottenuto le piantine nella seconda metà del 17 ° secolo. I loro primi tentativi di piantarli in India fallirono, ma riuscirono con i loro sforzi a Batavia, sull’isola di Giava, nell’attuale Indonesia.

Le piante prosperarono e presto gli olandesi ebbero un commercio produttivo e crescente di caffè. Hanno poi esteso la coltivazione delle piante di caffè alle isole di Sumatra e Celebes.

Il caffè arriva nelle Americhe

Nel 1714, il sindaco di Amsterdam fece dono di una giovane pianta di caffè al re Luigi XIV di Francia. Il re ne ordinò la piantagione nel Giardino Botanico Reale di Parigi. Nel 1723, un giovane ufficiale di marina, Gabriel de Clieu ottenne una piantina dalla pianta del re. Nonostante un viaggio impegnativo – completo di tempo orrendo, un sabotatore che ha cercato di distruggere la piantina e un attacco dei pirati – è riuscito a trasportarlo in sicurezza in Martinica.

Una volta piantata, la piantina non solo ha prosperato, ma è accreditata la diffusione di oltre 18 milioni di piante di caffè sull’isola di Martinica nei prossimi 50 anni. Ancora più incredibile è che questa piantina sia stata la madre di tutte le piante di caffè nei Caraibi, nell’America centrale e meridionale.

Il famoso caffè brasiliano deve la sua esistenza a Francisco de Mello Palheta, che fu inviato dall’imperatore nella Guyana francese per ottenere piantine di caffè. I francesi non erano disposti a condividere, ma la moglie del governatore francese, affascinata dal suo bell’aspetto, gli diede un grande mazzo di fiori prima che se ne andasse: sepolti dentro c’erano abbastanza semi di caffè per iniziare quella che oggi è un’industria da miliardi di dollari.

Missionari e viaggiatori, commercianti e coloni continuarono a trasportare semi di caffè in nuove terre e piantarono alberi di caffè in tutto il mondo. Furono stabilite piantagioni in magnifiche foreste tropicali e su aspri altopiani montuosi. Alcuni raccolti fiorirono, mentre altri furono di breve durata. Nuove nazioni furono stabilite sulle economie del caffè. Le fortune furono fatte e perse. Entro la fine del XVIII secolo, il caffè era diventato una delle colture da esportazione più redditizie al mondo. Dopo il petrolio greggio, il caffè è la merce più ricercata al mondo.

01Marzo
2020
  • 0
Category: Caffè

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Rimani aggiornato con le nostre Newsletter