Come si faceva il caffè prima dell’avvento della moka? Ode alla macchinetta napoletana

L’arte dell’espresso è tutta italiana così come il caffè fatto con la moka. Ma come si faceva il caffè prima dell’arrivo della moka?

Oggi siamo abituati a una grande varietà di modi per fare il caffè, dalla moka all’espresso professionale al bar, dalla macchinetta per il caffè in capsula o cialda ai distributori automatici, l’accesso al caffè quando ne abbiamo bisogno è sempre garantito.

C’è stato un tempo però dove fare il caffè era un procedimento più lento e preciso, dove si usavano macinino e caffettiera napoletana e l’aroma del caffè invadeva la cucina.

Il caffè fatto con la “cuccumella”, coma la si chiama a Napoli era la norma nelle case di tutti gli italiani, un procedimento diverso anche se per certi versi simile a quello della moka.

Anche in questo caso abbiamo un serbatoio per l’acqua e un filtro ma qui c’è in più anche un serbatoio per il caffè: si riempiono i due serbatoi, uno con acqua e il secondo con il caffè e si montano l’uno sopra l’altro con il filtro nel mezzo. A questo punto si pone la macchinetta sul fuoco e si attende che l’acqua bolla, appena questo accade baste togliere la macchinetta dal fuoco e capovolgerla per far sì che l’acqua filtri attraverso il caffè.

È un procedimento un pochino più lungo, ci vogliono circa 10 minuti, ma decisamente rilassante e il profumo che la macchinetta rilascia mentre la magia del caffè si compie ci ripaga dell’attesa.

La variante del caffè alla turca

Molto diffusa per un certo periodo è stata anche la variante del caffè alla turca, un altro modo davvero particolare per fare il caffè.

Si utilizza una caffettiera che altro non è che un pentolino in rame dove vanno versati acqua e caffè insieme e volendo anche lo zucchero. Dopo un’energica mescolata si mette tutto sul fuoco con fiamma bassa e si lascia andare fino a bollore.

Il procedimento è un pochino laborioso ma ci regala un caffè particolarmente aromatico, specie se alla mistura di acqua, miscela e zucchero aggiungiamo anche spezie a piacere: facciamo raffreddare il caffè, mescoliamo e rimettiamo sul fuoco ripetendo per tre volte questo step e a terzo giro ultimato lasciamo depositare i fondi.

Se ci serve la velocità niente può battere un espresso al bancone del bar, ma il fascino di queste preparazioni più antiche e tradizionali è rimasto inalterato nel tempo, vale la pena fare una prova!

22Giugno
2021
  • 0
Category: Caffè

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Rimani aggiornato con le nostre Newsletter